Vincent Van GoghDall’8 ottobre 2010 al 6 febbraio 2011 il Complesso del Vittoriano di Roma ospiterà  uno degli artisti più amati di tutti i tempi: Vincent van Gogh. L’opera del pittore olandese verrà  indagata dal punto di vista della dicotomia tra la campagna e la città , entrambe molto presenti nell’esperienza di vita e nell’opera di van Gogh il quale, se negli anni della sua giovinezza fu particolarmente vicino alla vita nei campi, in seguito visse e operò in alcune grandi città  come Anversa e Parigi.

In mostra, a settanta capolavori dell’artista si affiancheranno trenta opere di grandi pittori da cui egli trasse ispirazione, come Millet, Pissarro, Cà©zanne, Gauguin e Seurat. In totale le opere in mostra saranno quindi un centinaio, tratte da alcune tra le più grandi raccolte del mondo, private e non, tra cui: Van Gogh Museum, Krà¶ller-Mà¼ller Museum, Rijksmuseum, The Art Institute of Chicago, The Solomon R. Guggenheim Museum, The Museum of Modern Art, Hammer Museum, The Detroit Institute of Arts, National Gallery of Canada, Tate, Musà©e du Louvre.


E’ molto nota la simpatia che van Gogh provava nei confronti degli umili e dei braccianti, delle persone che vivevano del proprio lavoro nei campi, come testimoniano tele presenti in mostra quale I raccoglitori di fieno e La semina delle patate. Il suo messaggio, soprattutto agli inizi, non era soltanto artistico, ma anche etico e sociale. Ma anche la città  esercitò il suo fascino sul pittore olandese, il quale durante i suoi viaggi ebbe modo di visitare alcune mete che lo ispirarono attraverso l’esempio di grandi maestri – una per tutte, la visita al Rijksmuseum di Amsterdam dove scoprì Hals e Rembrand, nelle opere dei quali ravvisò un primo germoglio della sua ricerca artistica personale. Il “pittore di campagna” amava quindi anche proporsi come artista moderno e “cittadino”: questa ambivalenza è esplicitata dalla mostra attraverso due autoritratti in cui van Gogh rappresenta se’ stesso come contadino e come gentiluomo di città .

Il progetto espositivo, molto ambizioso, si prefigura come l’evento culturale più importante del prossimo autunno e come degno successore della acclamata mostra di Caravaggio che ha portato 600mila visitatori paganti e un indotto di 30milioni di euro per la città  lo scorso inverno.

Vittoriano

La mostra su Van Gogh ha fatto parlare di se’ anche in rapporto all’allarme lanciato dall’assessore comunale alla Cultura, Umberto Croppi, che l’ha definita “l’ultima grande mostra di Roma” a seguito del recente provvedimento governativo che taglia drasticamente i fondi destinati alle mostre e alla relativa promozione – si parla del 20% rispetto a quanto investito nel 2009 (dati da Repubblica).

RemoEventiMostreNewsArte Contemporanea,mostra,Van Gogh,Vittoriano
Dall'8 ottobre 2010 al 6 febbraio 2011 il Complesso del Vittoriano di Roma ospiterà  uno degli artisti più amati di tutti i tempi: Vincent van Gogh. L'opera del pittore olandese verrà  indagata dal punto di vista della dicotomia tra la campagna e la città , entrambe molto presenti nell'esperienza di...