colosseoIl Colosseo, in origine Anfiteatro Flavio, è probabilmente il più famoso anfiteatro al mondo. La sua maestosità , l’enorme capienza e le reminescenze, spesso macabre, legate alla sua funzione, fanno sì che il suo mito trascenda la storia e entri nella leggenda. Inaugurato nell’80 d.c., il Colosseo è in grado di contenere 50.000 spettatori e il suo nome attuale, che si diffuse solo nel Medioevo, deriva dalla vicina statua del Colosso del Dio Sole. Per l’inaugurazione dell’anfiteatro vennero organizzati giochi che durarono 3 mesi e durante i quali morirono circa 2.000 gladiatori e 9.000 animali. In seguito, i giochi che si tennero nel Colosseo compresero combattimenti tra gladiatori, tra animali, esecuzioni, manifestazioni pubbliche, rappresentazioni teatrali e altri tipi di spettacoli. I giochi del Colosseo erano molto importanti per i cittadini romani, al punto da far nascere “leggende metropolitane” come quella secondo cui un epilettico avrebbe potuto guarire bevendo il sangue versato durante i combattimenti. Pare che saltuariamente combattessero anche donne gladiatrici. Altra presenza molto apprezzata al Colosseo erano gli animali esotici protagonisti degli spettacoli di caccia, come gli elefanti, i rinoceronti, i gorilla e persino le giraffe. Gli spettacoli venivano pubblicizzati tramite affissioni lungo le strade, e il costo del biglietto per assistervi era probabilmente molto alto, ma talvolta il politico di turno metteva a disposizione biglietti gratuiti per ingraziarsi il favore del popolo. Tra gli eventi più spettacolari del Colosseo ricordiamo poi le naumachie e, in generale, gli spettacoli acquatici.
Il Colosseo è stato inserito tra i monumenti di Roma più odiati nei film (insieme al Vittoriano, Piramide, Arco di Costantino e ponte Sant’Angelo) in un recente articolo de Il Giornale. Il Colosseo è infatti uno dei monumenti più frequentemente protagonista di catastrofi che vedono il suo abbattimento: si va da “A 30 chilometri dalla terra” del 1957 a “Double Team” del 1997, a “The Core” del 2003. Proprio per la sua maestosità  e il suo valore simbolico, pare che sia uno dei bersagli preferiti di film cosiddetti “catastrofici”.
Per girare il film “Il Gladiatore” (2000), la produzione richiese di poter utilizzare il monumento originale, ma il permesso fu negato perchè l’anfiteatro era in fase di restauro; così il Colosseo fu ricostruito a Malta in ben 19 settimane di lavoro, al termine delle quali vide la luce solo il primo giro di tribune, e il resto fu creato in digitale.
Uno dei manga più amati di tutti i tempi, “Saint Seiya” (“I cavalieri dello Zodiaco”) vede ambientata al Colosseo parte della prima serie: non si tratta del monumento originale ma da una ricostruzione dello stesso a Tokyo (Nuova Luxor nella versione italiana) voluta da Lady Isabel di Thule per far combattere giovani cavalieri provenienti da tutto il mondo.

Laura Losi

Fonti:
Il Giornale
Wikipedia
Colosseo Roma

RemoArcheologiaStoria e curiositàArco di Costantino,colosseo,Piramide,Vittoriano
Il Colosseo, in origine Anfiteatro Flavio, è probabilmente il più famoso anfiteatro al mondo. La sua maestosità , l'enorme capienza e le reminescenze, spesso macabre, legate alla sua funzione, fanno sì che il suo mito trascenda la storia e entri nella leggenda. Inaugurato nell'80 d.c., il Colosseo è in grado...